WhatsApp tag: ecco il trucco per far apparire la funzione nascosta

Vi siete mai chiesti perché manca la funzione Whatsapp tag? In realtà la funzione esiste e oggi vi riveliamo il trucco per leggere solo i messaggi che vi interessano.

Diciamo subito che WhatsApp è una delle applicazioni per comunicare più amate. Il fenomeno potrebbe essere banalizzato affermando che è come inviare sms gratuiti; in realtà sono le sue tante peculiarità e funzioni che restano imbattute a rendere favolosa, agli occhi di molti, l’applicazione.

Non tutte le cose, però, riescono alla perfezione, e la funzione tag di WhatsApp ne è l’esempio. Già due anni fa se ne parlava con certezza, poi qualche mese fa la notizia è tornata in auge e avevamo avuto quasi l’assoluta conferma che presto avremmo potuto usare i tag su WhatsApp. Alla fine non se ne è fatto nulla; forse perché una funzione simile a questa è attiva da moltissimo tempo.

WhatsApp tag: come far apparire la funzione nascosta

Per chi però sognava la funzione tanto sbandierata, vi informiamo che esiste un modo per ottimizzare le ricerche per tag già esistenti. Come fare?

In primo luogo si può tentare di risalire a tutti i messaggi che ci hanno citato. Per Android, basta entrare in chat e andare sui tre pallini in alto a destra; quindi bisogna cliccare su “cerca” e scrivere il proprio nome o quello di qualcun altro che desideriamo cercare. A questo punto compariranno tutte le frasi in cui è stata scritta la parola cercata. Stessa cosa per iOS: in questo caso bisogna andare su “chat” e digitare la parola ricercata nella barra di ricerca che apparirà in alto.

Nel caso delle conversazioni troppo lunghe o se cerchiamo un determinato messaggio in un momento di fretta, questo rimedio non è adeguato. Ecco perché è preferibile inserire tra le regole del gruppo WhatsApp proprio lo scrivere il nome della persona a cui ci si rivolge, senza nomi abbreviati o senza riferimenti diretti; in questo modo sarà più facile per tutti, poi, risalire ad una conversazione dalla quale può essere trascorso anche molto tempo.

Tutto questo ovviamente in attesa che la tanto attesa funzione WhatsApp tag venga inserita davvero, visto che era stata promessa già diverse volte ed anche in circostanze differenti da fonti accreditate.

Leggi anche: 

Un articolo di Umberto Saffioti pubblicato il 20/08/2018 e modificato l'ultima volta il 20/08/2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *