I Robot del futuro: gli androidi sostituiranno l’uomo in tutto

Gli androidi sostituiranno l’uomo in tutte le attività, sia intellettive che manuali. La differenza è che questi non si stancano e nemmeno invecchiano. Gli esperti in materia ritengono che i robot del futuro saranno in grado di sostituire l’uomo in tutto. Per questo però bisogna avere un po’ di pazienza. C’è da dire che per vedere i robot all’opera non dobbiamo attendere troppo. Fra circa 45 anni, i robot saranno in grado di eseguire molti lavori. Potranno sostituire l’uomo in diverse mansioni. Fra 120 anni gli uomini potranno permettersi di non lavorare e far svolgere la loro attività dai robot.

Gli androidi sostituiranno l’uomo in tutto.

Saranno in grado di guidare l’auto, fare la contabilità. Potranno divenire artisti e scrittori, poeti e musicisti. Si cimenteranno in operazioni chirurgiche e scaleranno le montagne. Si immergeranno nelle profondità degli oceani e visiteranno nuove galassie alla ricerca di nuove forme di vita.

Robot del futuro che sostituiranno gli uomini… 

Esistono già diversi robot in grado di svolgere compiti molto complessi. Eccone alcuni:

LEGGI ANCHE  Come spiare un profilo Instagram privato

– Ross, il robot che fa l’avvocato artificiale, assunto dalla Baker & Hostetler. Risponde a domande inerenti alle leggi, facendo la citazione completa della norma.

– Star, il robot medico che effettua in maniera totalmente autonoma operazioni chirurgiche.

– Wordsmith è uno scrittore.

– Otonaroid conduce il telegiornale. Dalla televisione non si percepisce che si tratta di un robot, poiché la somiglianza all’uomo è impressionante. E’ stato concepito dal giapponese Hiroshi Ishiguro. E’ in grado di fare le interviste e interagire con l’uomo.

– F è un robot muratore e lavora regolarmente nei cantieri.

– Handle è un robot pensato per essere impiegato nel settore militare. E’ agilissimo e può correre molto velocemente.

– Pepper Robot è un robot incredibile. E’ capace d’interpretare lo stato d’animo degli uomini. Capisce la tristezza e la rabbia. E’ stato progettato da Softbank Robotics.

Il giapponese Hiroshi Ishiguro ha realizzato dei robot umanoidi somiglianti in una maniera impressionante agli umani. Sono talmente uguali che sarebbe difficile riconoscerli in mezzo a degli uomini veri. Ishiguro sostiene che il destino del mondo è che gli androidi sostituiranno l’uomo in tutto. Sarà un vantaggio poiché un uomo ha delle limitazione sugli orari lavorativi, si può ammalare e poi invecchia e muore.

LEGGI ANCHE  Tutte le novità sul Samsung Galaxy S10: aspettative e realtà

Tutti questi problemi non esistono nei robot che possono essere impiegati nelle attività più pesanti. Non correranno il rischio di farsi male, né di avere un colpo di sonno mentre guidano. Gli androidi di Ishiguro sono però ancora da perfezionare. Non hanno ancora l’intelligenza umana e sono da perfezionare anche le espressioni e i movimenti umani. Il ricercatore giapponese è ottimista. Ritiene che si arriverà a perfezionare i robot. Pensa che saranno capaci di provare delle emozioni e prendere decisioni in maniera autonoma.

…e gli animali Robot 

La tecnologia non si ferma qui. Anche per gli animali si è pensato di realizzare dei loro simili. Che cosa fantastica pensare di avere sempre accanto un animale domestico che ci faccia compagnia e non invecchi mai. Sono già state  realizzate copie di animali sia domestici che selvatici.

Bat Bot è il pipistrello robot ideato dall’Università dell’Illinois e dal California Institute of Technology. Sembra proprio vero. Ha 40 articolazioni sulle ali che gli permettono un’ampiezza dei movimenti simili a quelli degli animali in carne e ossa. Bat Bot vola autonomamente e ha una struttura ossea in carbonio. Oltre a questo pipistrello esistono già pesci, salamandre e insetti.

LEGGI ANCHE  La bici più veloce al mondo? Supera i 130 km/h, progettata da un'intelligenza artificiale

Anche l’Italia si sta muovendo in questa direzione.

E’ già disponibile sul mercato uno di quelli che definiamo robot del futuro, concepito dall’Istituto di Tecnologia di Genova. Il robot si chiama R1 e ha lo scopo di aiutare negli ospedali e nelle Case di Cura. Momo Robot è sviluppato da Morpheose e si occupa di gestire la casa. Plantoid è stato realizzato per effettuare esplorazioni del suolo e bonifiche ambientali. HyQ è un quadrupede realizzato per aiutare l’uomo nelle situazioni più rischiose. Walk Man è specializzato in situazioni di emergenza.

Un articolo di Umberto Saffioti pubblicato il 05/09/2017 e modificato l'ultima volta il 28/06/2018

Umberto Saffioti

È il fondatore di Mondomediamagazine.com. Laureato in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni, ha una grande passione per la tecnologia e ama rimanere sempre aggiornato sulle nuove frontiere dell’informatica. Oltre alle competenze acquisite nel suo campo, ha maturato una lunga esperienza nel mondo della grafica pubblicitaria e del digital marketing.