Samsung, arriva il nuovo display OLED flessibile e indistruttibile

Se ne parlava da tempo e finalmente l’attesa sarà soddisfatta. Samsung ha annunciato l’arrivo del nuovo display OLED indistruttibile e flessibile. Sarà perfetto soprattutto per gli smartphone e avrà spiccate qualità di leggerezza e resistenza. Ma vediamo più da vicino il nuovo pannello.

Diciamo subito che questo nuovo strumento, se anche naturalmente destinato ai cellulari, troverà vasto spazio anche nella costruzione di dispositivi militariautomobili, e ancora per le console e i tablet destinati alla didattica.

Quali sono le caratteristiche del display OLED?

Il display OLED sarà davvero indistruttibile. Il sistema infatti è dotato di certificazione Underwater Laboratories; si tratta della società di test ufficiale della Occupational Safety and Health Administration (OSHA) che appartiene al Dipartimento del Lavoro negli USA.

I test hanno fatto emergere la forte resistenza del materiale. Il display OLED è stato fatto cadere per 26 volte da un’altezza di 1,2 metri senza alcun danno. Anche le prove delle temperature sono state brillantemente superate: nessun problema per il funzionamento è stato riscontrato da -32 a 71°C. Durante le ultime prove, il pannello è stato fatto cadere ad una altezza ben superiore a quella prevista per i test militari, vale a dire 1,8 metri. Anche in questo caso, il display OLED è rimasto perfetto su frontale, angoli e bordi.

Ma quali saranno i dispositivi che utilizzeranno il nuovo display indistruttibile di Samsung? Non abbiamo ancora informazioni ufficiali; certamente il Galaxy Note 9 è già in uscita ad agosto e questo rende improbabile l’impiego della nuova tecnologia.

Con tutta probabilità avremo notizie del nuovo pannello sul Galaxy S10; in ogni caso ricordiamo che questo tipo di display sarà perfetto per il Galaxy X, che secondo quanto già sappiamo sarà il primo smartphone pieghevole con display flessibile.

Aspettiamo allora di vedere all’opera questo preziosissimo strumento!

Leggi anche: 

Un articolo di Umberto Saffioti pubblicato il 26/07/2018 e modificato l'ultima volta il 26/07/2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *