Categorie: News Italia

Salvini indagato per la vicenda Diciotti, ma continuerà la linea dura

Oggi non si è parlato d’altro: Matteo Salvini indagato dal pm di Agrigento. Le accuse? Sequestro di persona, arresto illlegale e abuso d’ufficio. Il tutto con riferimento a quanto accaduto in questi giorni con la nave Diciotti, a cui non è stato permesso lo sbarco. L’ipotesi circolava da giorni e alla fine è stato il pm di Agrigento a mettere sotto inchiesta il ministro dell’Interno.

Nel registro degli indagati risulta iscritto anche il primo funzionario del ministero. A questo punto si procederà consegnando il fascicolo, come per legge, al Tribunale dei Ministri; è l’unico competente a decidere quando si tratta di situazioni di questo genere.

Nel comunicato si evince facilmente quali saranno le prossime mosse. “Tale procedura prevista ed imposta dalla legge costituzionale 16/1/89 n. 1, permetterà, con tutte le garanzie e le immunità previste dalla medesima legge, di sottoporre ad un giudice collegiale specializzato le condotte poste in essere dagli indagati nell’esercizio delle loro funzioni; uno dei quali appartenente ai qualificati soggetti indicati all’articolo 4 della norma costituzionale”.

Salvini indagato, ma la linea dura continua

La risposta dal ministro dell’Interno non si è sicuramente fatta attendere. Salvini indagato ha definito vergognosa la scelta di sottoporre ad indagini proprio lui; tanto più che quattro milioni di processi arretrati sono ancora da smaltire.

La notizia delle indagini è stata anticipata dallo stesso Salvini su Facebook. “Il Procuratore di Agrigento ha chiesto ufficialmente i miei dati anagrafici”, ha scritto il vicepremier. E ha subito aggiunto: “Per fare cosa li chiede? Non perda tempo, glieli do io. Matteo Salvini, nato a Milano il 9/3/1973, residente a Milano in via xxx, cittadinanza italiana. Se vuole interrogarmi, o magari arrestarmi perché difendo i confini e la sicurezza del mio Paese, lo aspetto a braccia aperte!”.

Nonostante l’iscrizione di un fascicolo a suo carico non ci saranno passi indietro per quanto riguarda la “linea dura” sull’immigrazione. Matteo Salvini ha assicurato che si procederà con la Diciotti facendo in modo che a pagarne le spese non siano come al solito gli italiani; e si terrà la stessa linea anche in futuro.

I primi risultati della strategia adottata iniziano comunque a intravedersi: i migranti saranno accolti dalla Chiesa, dall’Irlanda e dall’Albania. Quest’ultima ha dichiarato di dover rendere il favore all’Italia dopo tutto ciò che il Belpaese ha fatto di buono nei confronti dei cittadini albanesi.

Leggi anche:

Un articolo di Nicola Varriale pubblicato il 26/08/2018 e modificato l'ultima volta il 27/08/2018
Condividi
Nicola Varriale

Grande appassionato di calcio e sport in generale, Nicola è sempre alla ricerca di notizie coinvolgenti e riesce a creare i contenuti più popolari con uno stile inconfondibile.

Articoli recenti

Dario Musso torna a casa, ma l’Italia resta imbavagliata

Avete sentito parlare di Dario Musso? No, con tutta probabilità. Tranne poche, pochissime eccezioni la…

2 mesi fa

Coronavirus: scoperto il farmaco che blocca l’infezione SARS-CoV-2

Scoperto il primo farmaco per bloccare il Coronavirus. La notizia è di poche ore fa…

4 mesi fa

L’Italia chiude tutto: Conte dispone il lockdown totale delle attività

In piena emergenza Coronavirus, con l'intera Italia fortemente preoccupata per il rapidissimo propagarsi dei contagi,…

4 mesi fa

Coronavirus, ceppo italiano diverso da Cina. D’Anna: “virus domestico, poco più che un’influenza”

Dopo l'incalzante susseguirsi di notizie sul Coronavirus arriva forse un po' di chiarezza. Chi parla…

4 mesi fa

Coronavirus, è psicosi: assalto ai supermercati, ressa per le scorte e disinfettanti alle stelle

Era solo questione di tempo: la psicosi da Coronavirus si estende a macchia d'olio e…

5 mesi fa

Allarme Coronavirus: arrivano le norme per evitare il contagio dopo i decessi in Italia

Le nostre bacheche social sono ormai invase di argomenti che parlano di “allarme coronavirus”, nome…

5 mesi fa