Categorie: Tecnologia

Radiazioni smartphone, la classifica dei modelli più pericolosi

Le radiazioni smartphone e i campi elettromagnetici dei dispositivi che usiamo quotidianamente incutono timore e secondo diversi studi possono anche causare problemi di salute. È anche ‘normale’ che avvenga una cosa del genere in quanto questi dispositivi sfruttano le onde radio e per questo emettono radiazioni elettromagnetiche.

Si è parlato di rischi per la salute nell’ultimo periodo e addirittura della possibilità di contrarre patologie molto gravi legate proprio al costante uso dello smartphone; ovviamente non bisogna generare allarmismi e bisogna sottolineare che ciò dipende, come per molti problemi, anche dalla frequenza con cui utilizziamo il cellulare. Un conto è tenere dita e orecchio attaccati tutto il giorno, un conto è utilizzare il telefono solo saltuariamente. L’esposizione alle radiazioni, infatti, fa certamente la differenza.

Radiazioni smartphone, la classifica dei modelli più pericolosi

A prescindere dalle normali precauzioni, una recente notizia stupisce in modo significativo. È stata stilata una classifica degli smartphone che diffondono radiazioni più pericolose. Ai primi posti troviamo Xiaomi, Huawei e OnePlus; a questi segue immediatamente il Nokia Lumia.

Uno dei consigli più diffusi ed anche facili da mettere in pratica per limitare le quantità di radiazioni è quello di tenere lontano lo smartphone dagli organi riproduttivi, dal cuore e dalla testa. Allo stesso modo è meglio non appoggiare tablet o computer sulle gambe mentre li utilizziamo; inoltre è consigliato l’uso degli auricolari quando dobbiamo parlare al telefono, così da evitare di tenerlo attaccato all’orecchio. A questo proposito un’ultima avvertenza: non compriamo auricolari Bluetooth o non risolveremo il problema dal punto di vista della salute.

In definitiva, se dobbiamo acquistare un dispositivo proprio in base alle sue radiazioni, andiamo a verificare le emissioni di onde eletrromagnetiche. Queste si calcolano mediante l’unità di misura chiamata “tasso di assorbimento specifico” (SAR). Potremo scegliere allora i dispositivi che hanno un tasso inferiore a 0,6 Watt per chilogrammo, per evitare, appunto, i rischi per la salute.

Tra i modelli a minor rischio ci sono i Motorola, i Samsung Galaxy ed in particolar modo il Google Pixel. Ma ecco la classifica:

Radiazioni smartphone: i più pericolosi

Xiaomi Mi A1 1,75
OnePlus ST 1,68
Huawei Mate 9 1,64
Nokia Lumia 630 1,51
Huawei P9 Plus 1,48
Huawei GX8 1,44
ancora Huawei P9 1,43
Huawei Nova Plus 1,41
OnePlus 5 1,39
Huawei P9 Lite 1,38
iPhone 7 1,38
Sony Xperia XZ1 Compact 1,36
iPhone 8 1,32
ZTE Axon 7 Mini 1,29
Blackberry DTEK60 1,28
iPhone 7 Plus 1,24

Smartphone più salutari

Sony Xperia M5 0,14
Samsung Galaxy Note 8 0,17
Samsung Galaxy S6 edge+ 0,22
Google Pixel XL 0,25
Samsung Galaxy S8+ 0,26
Samsung Galaxy S7 edge 0,26
ZTE BLADE A910 0,27
LG Q6 0,28
Samsung Galaxy A5 (2016) 0,29
Motorola Moto g5 plus 0,30
Motorola Moto Z 0,30
ZTE BLADE A610 0,31
Nokia Lumia 535 0,32
Samsung Galaxy S8 0,32
Google Pixel 0,33

Insomma, scegliete il telefono che più vi piace; ma date anche un occhio di riguardo alla vostra salute!

Ringraziamo Bufale.net per aver comprovato la veridicità delle informazioni contenute in questo articolo.

Leggi anche:

Un articolo di Nicola Varriale pubblicato il 18/08/2018 e modificato l'ultima volta il 04/10/2018
Condividi
Nicola Varriale

Grande appassionato di calcio e sport in generale, Nicola è sempre alla ricerca di notizie coinvolgenti e riesce a creare i contenuti più popolari con uno stile inconfondibile.

Articoli recenti

Dario Musso torna a casa, ma l’Italia resta imbavagliata

Avete sentito parlare di Dario Musso? No, con tutta probabilità. Tranne poche, pochissime eccezioni la…

7 mesi fa

Coronavirus: scoperto il farmaco che blocca l’infezione SARS-CoV-2

Scoperto il primo farmaco per bloccare il Coronavirus. La notizia è di poche ore fa…

9 mesi fa

L’Italia chiude tutto: Conte dispone il lockdown totale delle attività

In piena emergenza Coronavirus, con l'intera Italia fortemente preoccupata per il rapidissimo propagarsi dei contagi,…

9 mesi fa

Coronavirus, ceppo italiano diverso da Cina. D’Anna: “virus domestico, poco più che un’influenza”

Dopo l'incalzante susseguirsi di notizie sul Coronavirus arriva forse un po' di chiarezza. Chi parla…

9 mesi fa

Coronavirus, è psicosi: assalto ai supermercati, ressa per le scorte e disinfettanti alle stelle

Era solo questione di tempo: la psicosi da Coronavirus si estende a macchia d'olio e…

9 mesi fa

Allarme Coronavirus: arrivano le norme per evitare il contagio dopo i decessi in Italia

Le nostre bacheche social sono ormai invase di argomenti che parlano di “allarme coronavirus”, nome…

9 mesi fa