Categorie: Tecnologia

Radiazioni smartphone, la classifica dei modelli più pericolosi

Le radiazioni smartphone e i campi elettromagnetici dei dispositivi che usiamo quotidianamente incutono timore e secondo diversi studi possono anche causare problemi di salute. È anche ‘normale’ che avvenga una cosa del genere in quanto questi dispositivi sfruttano le onde radio e per questo emettono radiazioni elettromagnetiche.

Si è parlato di rischi per la salute nell’ultimo periodo e addirittura della possibilità di contrarre patologie molto gravi legate proprio al costante uso dello smartphone; ovviamente non bisogna generare allarmismi e bisogna sottolineare che ciò dipende, come per molti problemi, anche dalla frequenza con cui utilizziamo il cellulare. Un conto è tenere dita e orecchio attaccati tutto il giorno, un conto è utilizzare il telefono solo saltuariamente. L’esposizione alle radiazioni, infatti, fa certamente la differenza.

Radiazioni smartphone, la classifica dei modelli più pericolosi

A prescindere dalle normali precauzioni, una recente notizia stupisce in modo significativo. È stata stilata una classifica degli smartphone che diffondono radiazioni più pericolose. Ai primi posti troviamo Xiaomi, Huawei e OnePlus; a questi segue immediatamente il Nokia Lumia.

Uno dei consigli più diffusi ed anche facili da mettere in pratica per limitare le quantità di radiazioni è quello di tenere lontano lo smartphone dagli organi riproduttivi, dal cuore e dalla testa. Allo stesso modo è meglio non appoggiare tablet o computer sulle gambe mentre li utilizziamo; inoltre è consigliato l’uso degli auricolari quando dobbiamo parlare al telefono, così da evitare di tenerlo attaccato all’orecchio. A questo proposito un’ultima avvertenza: non compriamo auricolari Bluetooth o non risolveremo il problema dal punto di vista della salute.

In definitiva, se dobbiamo acquistare un dispositivo proprio in base alle sue radiazioni, andiamo a verificare le emissioni di onde eletrromagnetiche. Queste si calcolano mediante l’unità di misura chiamata “tasso di assorbimento specifico” (SAR). Potremo scegliere allora i dispositivi che hanno un tasso inferiore a 0,6 Watt per chilogrammo, per evitare, appunto, i rischi per la salute.

Tra i modelli a minor rischio ci sono i Motorola, i Samsung Galaxy ed in particolar modo il Google Pixel. Ma ecco la classifica:

Radiazioni smartphone: i più pericolosi

Xiaomi Mi A1 1,75
OnePlus ST 1,68
Huawei Mate 9 1,64
Nokia Lumia 630 1,51
Huawei P9 Plus 1,48
Huawei GX8 1,44
ancora Huawei P9 1,43
Huawei Nova Plus 1,41
OnePlus 5 1,39
Huawei P9 Lite 1,38
iPhone 7 1,38
Sony Xperia XZ1 Compact 1,36
iPhone 8 1,32
ZTE Axon 7 Mini 1,29
Blackberry DTEK60 1,28
iPhone 7 Plus 1,24

Smartphone più salutari

Sony Xperia M5 0,14
Samsung Galaxy Note 8 0,17
Samsung Galaxy S6 edge+ 0,22
Google Pixel XL 0,25
Samsung Galaxy S8+ 0,26
Samsung Galaxy S7 edge 0,26
ZTE BLADE A910 0,27
LG Q6 0,28
Samsung Galaxy A5 (2016) 0,29
Motorola Moto g5 plus 0,30
Motorola Moto Z 0,30
ZTE BLADE A610 0,31
Nokia Lumia 535 0,32
Samsung Galaxy S8 0,32
Google Pixel 0,33

Insomma, scegliete il telefono che più vi piace; ma date anche un occhio di riguardo alla vostra salute!

Ringraziamo Bufale.net per aver comprovato la veridicità delle informazioni contenute in questo articolo.

Leggi anche:

Un articolo di Nicola Varriale pubblicato il 18/08/2018 e modificato l'ultima volta il 04/10/2018
Condividi
Nicola Varriale

Grande appassionato di calcio e sport in generale, Nicola è sempre alla ricerca di notizie coinvolgenti e riesce a creare i contenuti più popolari con uno stile inconfondibile.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked*

Articoli recenti

Dario Musso torna a casa, ma l’Italia resta imbavagliata

Avete sentito parlare di Dario Musso? No, con tutta probabilità. Tranne poche, pochissime eccezioni la…

9 mesi fa

Coronavirus: scoperto il farmaco che blocca l’infezione SARS-CoV-2

Scoperto il primo farmaco per bloccare il Coronavirus. La notizia è di poche ore fa…

11 mesi fa

L’Italia chiude tutto: Conte dispone il lockdown totale delle attività

In piena emergenza Coronavirus, con l'intera Italia fortemente preoccupata per il rapidissimo propagarsi dei contagi,…

11 mesi fa

Coronavirus, ceppo italiano diverso da Cina. D’Anna: “virus domestico, poco più che un’influenza”

Dopo l'incalzante susseguirsi di notizie sul Coronavirus arriva forse un po' di chiarezza. Chi parla…

11 mesi fa

Coronavirus, è psicosi: assalto ai supermercati, ressa per le scorte e disinfettanti alle stelle

Era solo questione di tempo: la psicosi da Coronavirus si estende a macchia d'olio e…

11 mesi fa

Allarme Coronavirus: arrivano le norme per evitare il contagio dopo i decessi in Italia

Le nostre bacheche social sono ormai invase di argomenti che parlano di “allarme coronavirus”, nome…

11 mesi fa