Categorie: Tecnologia

Presto compariranno le pubblicità nelle Storie Instagram e Facebook

In molti si sono disperati per via della decisione di Instagram di segnalare gli screenshot altrui all’autore della storia. Bene, non è finita; un’altra novità che sicuramente farà arrabbiare gli utenti riguarda le pubblicità nelle Storie Instagram e Facebook; presto arriverà un cambiamento significativo.

Andiamo con ordine: le storie su Instagram e sugli altri social prima nemmeno esistevano oppure venivano ignorate. Al contrario, nel giro di poco tempo sono diventate amatissime e sono forse una delle opzioni più famose praticamente di tutti i social network; tutti le usano, vedono quelle degli altri e le seguono.

Pubblicità nelle Storie Instagram e Facebook: le novità

La prima cosa che è doveroso precisare è che le stime del 2019 affermano che la condivisione delle Storie potrebbe superare quella di qualsiasi altro contenuto; quella che quindi sembrava una moda passeggera sta diventando un qualcosa in grado di rivoluzionare il modo di concepire Internet e l’economia che verte attorno.

Adesso, quindi, arriva un’idea brillante da Facebook, sembra proprio per far girare l’economia; potrebbero essere inclusedelle clip pubblicitarie nelle Storie. L’ambizioso obiettivo è quello di renderle gradevoli e ben poco fastidiose all’occhio dell’utente, al contempo senza occultarle troppo per rendere l’offerta appetibile agli occhi dei candidati inserzionisti. Probabilmente si tratta di un obiettivo che sarà difficile da raggiungere; ma il progetto è già in cantiere e potrebbe divenire presto realtà.

Un altro dettaglio giunto recentemente riguarda il fatto che non sarà possibile saltare gli spot neanche dopo aver visto i primi secondi della clip; questo, a differenza di quanto avviene per le pubblicità prima dei video postati dagli utenti. Anche in questo modo la possibile nuova offerta si renderebbe indubbiamente più appetibile per i possibili inserzionisti.

Come farà Facebook a riuscire a ‘tenere buoni’ gli utenti, che dovranno guardare le pubblicità e allo stesso tempo essere una buona scelta per gli inserzionisti? La certezza riguarda il fatto che se si riuscisse a mettere in pratica il progetto, sarebbe una vera svolta per il social network di Mark Zuckerberg; soprattutto dopo gli scandali da cui è stato travolto in tempi recenti.

Leggi anche:

Un articolo di Umberto Saffioti pubblicato il 29/07/2018 e modificato l'ultima volta il 29/07/2018
Condividi
Umberto Saffioti

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked*

Articoli recenti

Dario Musso torna a casa, ma l’Italia resta imbavagliata

Avete sentito parlare di Dario Musso? No, con tutta probabilità. Tranne poche, pochissime eccezioni la…

8 mesi fa

Coronavirus: scoperto il farmaco che blocca l’infezione SARS-CoV-2

Scoperto il primo farmaco per bloccare il Coronavirus. La notizia è di poche ore fa…

10 mesi fa

L’Italia chiude tutto: Conte dispone il lockdown totale delle attività

In piena emergenza Coronavirus, con l'intera Italia fortemente preoccupata per il rapidissimo propagarsi dei contagi,…

10 mesi fa

Coronavirus, ceppo italiano diverso da Cina. D’Anna: “virus domestico, poco più che un’influenza”

Dopo l'incalzante susseguirsi di notizie sul Coronavirus arriva forse un po' di chiarezza. Chi parla…

11 mesi fa

Coronavirus, è psicosi: assalto ai supermercati, ressa per le scorte e disinfettanti alle stelle

Era solo questione di tempo: la psicosi da Coronavirus si estende a macchia d'olio e…

11 mesi fa

Allarme Coronavirus: arrivano le norme per evitare il contagio dopo i decessi in Italia

Le nostre bacheche social sono ormai invase di argomenti che parlano di “allarme coronavirus”, nome…

11 mesi fa