Categorie: Tecnologia

La NASA compie 60 anni e rivela come sarà la casa su Marte

L’uomo è già stato sulla Luna, nonostante le teorie di molti che non credono ancora all’allunaggio. Ora, una delle più grandi ambizioni non soltanto della NASA ma anche degli astronauti e di tutti gli appassionati, è quella di andare su Marte. A proposito del possibile futuro sbarco sul pianeta rosso, la NASA compie 60 anni e proprio in occasione del suo compleanno ha voluto rinnovare questa idea.

Per celebrare il suo nuovo traguardo, l’Agenzia Spaziale Americana ha eletto il vincitore del concorso 3D-Printed Habitat Centennial Challenge; i partecipanti dovevano dare vita ad un progetto di una casa da costruire su Marte, prendendo in considerazione anche tutte le condizioni avverse che possono presentarsi sul pianeta.

La NASA compie 60 anni e lancia la sfida su Marte

Ad esempio, i concorrenti hanno dovuto tenere a mente che qualora si riuscisse ad andare sul pianeta rosso in futuro, non sarà possibile trasportare grandi quantità di qualsiasi materiale; e per questo motivo hanno dovuto tenere conto della necessità di cercare delle risorse direttamente sul territorio, sebbene non molto ospitale.

Più che una casa, dunque, i concorrenti hanno dovuto realizzare un ambiente che sia in grado di ospitare la vita; ovviamente, dotato di tutti i comfort del caso, a cui siamo abituati sul pianeta Terra.

È recentissima la scoperta di un lago sotterraneo su Marte; grazie a questa, tutti coloro che sognano di poter portare l’uomo sul pianeta rosso hanno visto le proprie speranze accendersi ancora una volta. L’occasione NASA compie 60 anni ha dunque rinnovato la voglia, l’intenzione e soprattutto la possibilità di approdare su Marte. E questo potrebbe essere realtà in un futuro forse nemmeno troppo lontano.

Insomma, la speranza per molti si era spenta e ora torna ed essere viva. Scienziati ed astronauti della NASA hanno dichiarato di credere ciecamente al progetto e di non averci mai rinunciato.Quando il concorso sarà definitivamente concluso e verrà dato il premio, si farà il possibile per mettere in pratica quanto progettato. E chissà se ci saranno grandi novità in vista.

Leggi anche:

Un articolo di Patrizia Vardaro pubblicato il 30/07/2018 e modificato l'ultima volta il 30/07/2018
Condividi
Patrizia Vardaro

Cultrice di salute e benessere, è particolarmente attenta al mondo delle mamme e dell’infanzia. Cura anche una rubrica dedicata alle neo-mamme e alle donne in dolce attesa. Ha una grande passione per l’oroscopo e il mondo dell’astrologia.

Articoli recenti

Dario Musso torna a casa, ma l’Italia resta imbavagliata

Avete sentito parlare di Dario Musso? No, con tutta probabilità. Tranne poche, pochissime eccezioni la…

7 mesi fa

Coronavirus: scoperto il farmaco che blocca l’infezione SARS-CoV-2

Scoperto il primo farmaco per bloccare il Coronavirus. La notizia è di poche ore fa…

8 mesi fa

L’Italia chiude tutto: Conte dispone il lockdown totale delle attività

In piena emergenza Coronavirus, con l'intera Italia fortemente preoccupata per il rapidissimo propagarsi dei contagi,…

9 mesi fa

Coronavirus, ceppo italiano diverso da Cina. D’Anna: “virus domestico, poco più che un’influenza”

Dopo l'incalzante susseguirsi di notizie sul Coronavirus arriva forse un po' di chiarezza. Chi parla…

9 mesi fa

Coronavirus, è psicosi: assalto ai supermercati, ressa per le scorte e disinfettanti alle stelle

Era solo questione di tempo: la psicosi da Coronavirus si estende a macchia d'olio e…

9 mesi fa

Allarme Coronavirus: arrivano le norme per evitare il contagio dopo i decessi in Italia

Le nostre bacheche social sono ormai invase di argomenti che parlano di “allarme coronavirus”, nome…

9 mesi fa