Categorie: Tecnologia

Marte a distanza minima dalla Terra, stasera diretta con la NASA

Sembrerebbe quasi che Marte in questi giorni abbia intenzione di far parlare di sé. Dopo essere stato il secondo protagonista durante l’eclissi lunare del 27 luglio 2018, è  arrivata da pochi giorni la scoperta di un lago salato nel sottosuolo. Ora un’altra notizia coinvolge il pianeta rosso, che sarà il grande protagonista dell’ultima notte di luglio. Proprio stasera vedremo Marte a distanza minima dalla Terra.

Marte sarà vicino alla Terra come non accadeva da 15 anni. La vicinanza di Marte con il nostro pianeta proprio stanotte sarà minima e raggiungerà i  57.590.630 chilometri; con il picco di minor distanza intorno alla mezzanotte, in cui ovviamente sarà uno spettacolo ancora più bello.

Marte a distanza minima dalla Terra

Normalmente questo evento si ripete ogni 26 mesi, ma era dal 2003 che Marte non dava così tanto spettacolo avvicinandosi in modo davvero significativo alla Terra. Leggendo i numeri sembrerebbe comunque essere ad una distanza incredibile, ma per la statistica si tratta davvero di un numero insolito.

Silvia Casu, appartenente all’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), ha dichiarato che Marte oscilla periodicamente tra una distanza minima e massima dal nostro pianeta e che in questi momenti stiamo osservando appunto quella minima. Inoltre, l’astronoma ha sottolineato l’importanza di questo evento; sia per chi lo osserverà con occhio scientifico sia per coloro che invece lo guarderanno soltanto a livello amatoriale. Anche perché – ha ricordato – “la Nasa negli ultimi giorni ha potuto scattare immagini straordinarie del pianeta rosso”.

E a questo proposito per vedere Marte a distanza minima dalla Terra segnaliamo la diretta streaming con la TV della NASA, dalle 19.00 e fino alle 22.30:

Anche in questo caso l’evento avverrà ‘in favore di fotocamera’, perché Marte potrà essere facilmente fotografato anche dai non esperti.

È stato chiarito che questi appuntamenti planetari sono molto importanti perché possono dare il via a missioni scientifiche. Nel 2020, infatti, l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) farà partire la missione ExoMars 2020, che avrà come obiettivo quello di cercare ancora una volta vita passata o presente sul tanto misterioso pianeta rosso.

Leggi anche:

Un articolo di Patrizia Vardaro pubblicato il 31/07/2018 e modificato l'ultima volta il 31/07/2018
Condividi
Patrizia Vardaro

Cultrice di salute e benessere, è particolarmente attenta al mondo delle mamme e dell’infanzia. Cura anche una rubrica dedicata alle neo-mamme e alle donne in dolce attesa. Ha una grande passione per l’oroscopo e il mondo dell’astrologia.

Articoli recenti

Dario Musso torna a casa, ma l’Italia resta imbavagliata

Avete sentito parlare di Dario Musso? No, con tutta probabilità. Tranne poche, pochissime eccezioni la…

3 mesi fa

Coronavirus: scoperto il farmaco che blocca l’infezione SARS-CoV-2

Scoperto il primo farmaco per bloccare il Coronavirus. La notizia è di poche ore fa…

5 mesi fa

L’Italia chiude tutto: Conte dispone il lockdown totale delle attività

In piena emergenza Coronavirus, con l'intera Italia fortemente preoccupata per il rapidissimo propagarsi dei contagi,…

5 mesi fa

Coronavirus, ceppo italiano diverso da Cina. D’Anna: “virus domestico, poco più che un’influenza”

Dopo l'incalzante susseguirsi di notizie sul Coronavirus arriva forse un po' di chiarezza. Chi parla…

5 mesi fa

Coronavirus, è psicosi: assalto ai supermercati, ressa per le scorte e disinfettanti alle stelle

Era solo questione di tempo: la psicosi da Coronavirus si estende a macchia d'olio e…

5 mesi fa

Allarme Coronavirus: arrivano le norme per evitare il contagio dopo i decessi in Italia

Le nostre bacheche social sono ormai invase di argomenti che parlano di “allarme coronavirus”, nome…

5 mesi fa