Lady Diana ebbe 20 amanti: rivelazione shock del capo Security

Il 31 agosto sarà l’anniversario della morte della Principessa triste, al secolo Lady Diana.

La Principessa Diana Spencer, moglie del Principe Carlo d’Inghilterra morì in circostanze misteriose. La notte del 31 agosto 1997 Lady D rimase vittima di un incidente automobilistico sotto il tunnel del Pont de l’Alma a Parigi. Era assieme al suo compagno Dodi al-Fayed, morto con lei. La Mercedes su cui stavano viaggiando era guidata da Henri Paul, che fu ritenuto con un tasso alcolemico alto.

In occasione del suo anniversario di morte, in Gran Bretagna si stanno organizzando molte manifestazioni.

I figli, William e Henry, la vogliono ricordare nei momenti belli vissuti con lei. In un documentario, parlano di lei con grande tenerezza. Ricordano il suo carattere molto affettuoso nei loro riguardi. Sua caratteristica principale era il suo sorriso. Dichiarano che la  cosa che non scorderanno mai è la telefonata in cui sentirono la sua voce per l’ultima volta.

Il momento più traumatico della loro vita di fanciulli fu la sfilata d’avanti milioni di spettatori, per seguire il feretro.

LEGGI ANCHE  Harry e Meghan rompono il protocollo in pubblico durante un evento formale

Sono state rese note anche le registrazioni di alcuni nastri dove la Principessa triste racconta della sua vita matrimoniale. Afferma di essere stata infelice e che la Regina Elisabetta non l’appoggiò mai. Non fece nulla per impedire che il matrimonio con suo figlio Carlo vacillasse.

Lady Diana nel racconto scottante dell’ex capo della Sicurezza

Sono stati raccontati altri dettagli scottanti sulla vita della Principessa del Galles. L’ex capo di Sicurezza dei Windsor è stato intervistato. Il suo racconto assai interessante è stato pubblicato dalla rivista Chi. Nell’intervista da lui rilasciata racconta particolari della vita privata di Lady D. A detta sua, pare che lei avesse una ventina di amanti e che le piacesse divertirsi ed essere sempre circondata da uomini sposati.

Dai Davis afferma che la Principessa avesse una relazione anche con l’attore Kevin Costner, ma che tutto avveniva con estrema discrezione. Si evitava così di imbattersi nel giudizio severo della Regina Madre.

Egli fu testimone di molte relazioni che Lady D ebbe con vari uomini, quando si separò dal marito. Non aveva mai ricevuto attenzioni e complimenti. Ora aveva bisogno di circondarsi di gente che la facesse sentire amata.

LEGGI ANCHE  Meghan Markle e le regole imposte dalla Regina, anche sulla gravidanza

Tra i tanti dettagli raccontati, l’ex capo della Sicurezza, afferma che il secondogenito è proprio figlio di Carlo. Smentisce perciò le chiacchiere che per lungo tempo sono state diffuse sulla relazione della Principessa di Galles con il Maggiore Hewitt.

Quando nacque Henry, i rapporti tra i coniugi erano buoni. Hewitt divenne l’amante di Lady Diana soltanto dopo il divorzio. Le voci, all’epoca, erano arrivate all’orecchio di Carlo e persino del piccolo Henry. Qualcuno gli aveva suggerito anche di fare il test del DNA, ma lui si era infuriato.

Riguardo la tragedia, è stato chiesto cosa ne pensasse. Davis afferma che si trattò di una fatalità e non di un attentato. La Principessa aveva cambiato programma all’ultimo minuto. Doveva recarsi in Italia, ma poi decise di andare a Parigi. L’unico responsabile fu l’autista che si trovava in stato di ebrezza, doveva decidere di non guidare. Se non fosse stato in quelle condizioni, sarebbe stato in grado di evitare i paparazzi.

Un articolo di Francesca Varriale pubblicato il 06/08/2017 e modificato l'ultima volta il 28/06/2018

Francesca Varriale

Giovanissima studentessa della Facoltà di Giurisprudenza, da sempre coltiva una grande passione per il Gossip. È costantemente aggiornata sulle vicende dei personaggi televisivi e dei VIP dell’intero mondo Web. Ha un forte seguito su Instagram, dove gestisce una rubrica che si occupa dei problemi di cuore dei ragazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto !!