Categorie: Intrattenimento

Kobe Bryant, la leggenda del Basket, ha perso la vita in un incidente

È di pochi minuti fa la tragica notizia. La leggenda del basket Kobe Bryant ha perso la vita in un incidente in elicottero a Calabasas. Aveva 41 anni.

Kobe stava viaggiando sul suo elicottero privato con altre cinque persone quando il tragico incidente è accaduto. È scoppiato un incendio; il personale di emergenza ha risposto, ma nessuno a bordo è sopravvissuto. Sembra che Vanessa Bryant non fosse tra le persone a bordo, ma ormai è certo: la figlia tredicenne della coppia, Gianna Maria, era col padre.

I testimoni oculari avrebbero affermato anche di aver sentito il motore dell’elicottero sputare prima che si spegnesse. Fiamme e fumo hanno coperto gran parte della scena. La causa ufficiale dell’incidente è ancora da scoprire e risulta sotto inchiesta.

Kobe Bryant morto in un incidente

Kobe Bryant ha usato un elicottero per viaggiare per anni, risalendo a quando giocava con i Lakers. Era noto per il pendolarismo da Newport Beach, California al STAPLES Center in DTLA nel suo elicottero Sikorsky S-76.

Kobe era sposato con la sua inseparabile Vanessa. Insieme a lei lascia tre figlie: Natalia e Bianca e la loro neonata Capri. Kobe e Vanessa si sono sposati nel 2001 dopo essersi incontrati nel 1999.

Un memoriale a Kobe Bryant è già sorto fuori dallo Staples Center, dove Kobe ha giocato per anni.

Kobe è stato recentemente visto ai giochi della NBA con sua figlia Gianna, anche lei una stella del basket nascente. La figlia più giovane, Capri, è appena nata a giugno 2019.

Kobe Bryant è ampiamente considerato uno dei più grandi giocatori NBA di tutti i tempi. È stato la prima scelta nel draft del 1996, ha vinto 5 campionati NBA, 2 MVP finali NBA ed è stato al league MVP nel 2008.

Ha fatto parte di 15 All-NBA, 12 squadre All-Defensive e ha guidato il campionato per due stagioni. Si colloca al quarto posto nella NBA di tutti i tempi per il punteggio della stagione regolare e per il punteggio stagionale di tutti i tempi. Ha anche fatto parte della squadra degli Stati Uniti in diverse apparizioni alle Olimpiadi.

I Lakers hanno ritirato notoriamente entrambe le maglie di Kobe, numero 8 e 24. Ed è stato l’unico giocatore nella storia della squadra a ricevere questo onore.

Le realizzazioni di Kobe Bryant sono andate anche al di fuori del mondo del basket. Ha vinto un Oscar per il suo cortometraggio “Dear Basketball”, nel 2018.

Sabato, LeBron James ha superato Kobe come migliore realizzatore di punti nella classifica NBA di tutti i tempi. Il campione oggi compianto ha reso omaggio a Bron su Instagram: nel suo ultimo post gli diceva: “Continua a far crescere il gioco e tracciare il percorso per il prossimo”.

All’età di 34 anni, Kobe divenne il più giovane giocatore nella storia della NBA a superare i 30.000 punti. Parlando di mettere a segno punti, il ragazzo era famoso per la sua partita a 81 punti contro i Toronto Raptors nel 2006. Fu una delle più grandi esibizioni nella storia moderna della NBA.

Un altro momento saliente della sua lunga carriera è stata la sua ultima partita nel 2016 contro lo Utah Jazz, quando ha superato 60 punti ed è uscito con un colpo per aiutare la sua squadra a vincere. È stato particolarmente commovente considerando i suoi anni afflitti da lesioni, iniziati nel 2013 quando ha subito la lesione del tendine di Achille.

La tragica notizia getta nello sconforto il mondo dello sport e non solo. Stentiamo a credere che Kobe non sia più tra noi.

Seguiremo gli sviluppi delle indagini sull’incidente e ci uniamo al lutto che ha colpito lo sport e il mondo intero.
Addio, Kobe.

Un articolo di Umberto Saffioti pubblicato il 26/01/2020 e modificato l'ultima volta il 26/01/2020
Condividi
Umberto Saffioti

È il fondatore di Mondomediamagazine.com. Laureato in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni, ha una grande passione per la tecnologia e ama rimanere sempre aggiornato sulle nuove frontiere dell’informatica. Oltre alle competenze acquisite nel suo campo, ha maturato una lunga esperienza nel mondo della grafica pubblicitaria e del digital marketing.

Articoli recenti

Dario Musso torna a casa, ma l’Italia resta imbavagliata

Avete sentito parlare di Dario Musso? No, con tutta probabilità. Tranne poche, pochissime eccezioni la…

6 mesi fa

Coronavirus: scoperto il farmaco che blocca l’infezione SARS-CoV-2

Scoperto il primo farmaco per bloccare il Coronavirus. La notizia è di poche ore fa…

8 mesi fa

L’Italia chiude tutto: Conte dispone il lockdown totale delle attività

In piena emergenza Coronavirus, con l'intera Italia fortemente preoccupata per il rapidissimo propagarsi dei contagi,…

8 mesi fa

Coronavirus, ceppo italiano diverso da Cina. D’Anna: “virus domestico, poco più che un’influenza”

Dopo l'incalzante susseguirsi di notizie sul Coronavirus arriva forse un po' di chiarezza. Chi parla…

8 mesi fa

Coronavirus, è psicosi: assalto ai supermercati, ressa per le scorte e disinfettanti alle stelle

Era solo questione di tempo: la psicosi da Coronavirus si estende a macchia d'olio e…

8 mesi fa

Allarme Coronavirus: arrivano le norme per evitare il contagio dopo i decessi in Italia

Le nostre bacheche social sono ormai invase di argomenti che parlano di “allarme coronavirus”, nome…

8 mesi fa