Arrivano i giochi Netflix: lancio dei primi 5 su Android

Netflix sta entrando ufficialmente nel mercato degli abbonamenti ai giochi offrendo agli abbonati cinque videogiochi mobili gratuiti che è possibile giocare sui telefoni Android. Ma come saranno i giochi Netflix?

Proprio ieri sono stati lanciati in tutto il mondo due dei giochi basati sulla serie di successo di Netflix Stanger Things e gli altri tre annunciati come giochi di abilità di base.

L’azienda con sede nella Silicon Valley promette che ne seguiranno molti altri; spera anche di rendere i giochi disponibili per i clienti Apple implementandoli sui dispositivi iOS. Cosa che avverrà “nei prossimi mesi”.

La novità dei videogiochi Netflix? Nessuna pubblicità o funzione di acquisti in-app nei giochi, a differenza degli altri giochi per dispositivi mobili.

“Siamo entusiasti di fare il nostro primo passo nel lancio dei giochi Netflix su dispositivi mobili nel mondo”, ha affermato la società. “Vogliamo iniziare a costruire una libreria di giochi che offra qualcosa per tutti”. Ha aggiunto: “Anche se questo è solo l’inizio di un lungo viaggio, siamo entusiasti di offrire un’esperienza di gioco che si differenzia da ciò che è disponibile oggi: giochi esclusivi per dispositivi mobili senza pubblicità, senza pagamenti in-app, inclusi con il tuo abbonamento Netflix”

Giochi Netflix: ecco i primi 5

I videogiochi sono già disponibili per il download su smartphone e tablet Android in tutto il mondo, inclusi Regno Unito e Stati Uniti. Erano erano già stati rilasciati in Italia, Polonia e Spagna.

I primi giochi Netflix sono:

  • Stranger Things: 1984
  • Stranger Things 3: The Game
  • Shooting Hoops 
  • Teeter Up
  • Card Blast

Gli abbonati a Netflix possono accedere ai videogiochi tramite l’app Android del gigante dello streaming. Saranno indirizzati a un link per effettuare il download nel Play Store di Google. I giochi appariranno quindi all’interno dell’app Netflix e sulla schermata iniziale del dispositivo dell’utente.

I giochi non sono disponibili sui profili Netflix per bambini.

La mossa di inaugurare i giochi Netflix segue i test in alcuni paesi; l’azienda cerca di rafforzare la sua offerta di fronte all’intensificarsi della concorrenza nello spazio di streaming.

Non solo. Netflix mira a rilasciare finalmente i giochi su dispositivi iOS. Questo, nonostante Apple abbia precedentemente resistito ai tentativi di altre società di mettere “negozi all’interno dei negozi”, in particolare riguardo ai videogiochi.

Giochi Netflix basati sulle serie TV

La società ha affermato che i giochi iniziali, dalla grafica relativamente semplice, sono nelle primissime fasi; ma alla fine prevede di crearne di “per ogni tipo di giocatore”.

Per far questo la Compagnia ha reclutato il veterano dei videogiochi Mike Verdu per dirigere il suo team di gioco. Verdu in precedenza ha lavorato presso il gigante dei giochi EA e successivamente su Facebook sulla realtà aumentata e virtuale. 

“Sia che tu stia cercando un gioco da iniziare da zero, o un’esperienza immersiva che ti permetta di approfondire le tue storie preferite, vogliamo iniziare a costruire una libreria di giochi che offra qualcosa per tutti”, ha detto Verdu.

“Proprio come le nostre serie, film e speciali, vogliamo progettare giochi per qualsiasi livello di gioco e ogni tipo di giocatore, che tu sia un principiante o un giocatore esperto. Siamo entusiasti di continuare a migliorare la nostra esperienza di gioco mobile e ad ampliare la nostra offerta di intrattenimento nei mesi a venire”.

Netflix aveva indicato la sua intenzione di avventurarsi nei videogiochi a luglio, puntando a potenziali successi basati sulle trame di popolari serie televisive. Ha dichiarato apertamente che mira a competere con giochi di successo come Fortnite per il tempo di intrattenimento online delle persone. Secondo gli analisti, l’offerta di videogiochi potrebbe aiutare ad attirare nuovi abbonati.

Il mercato globale dei giochi ora supera i 300 miliardi di dollari, secondo uno studio condotto quest’anno dalla società di consulenza Accenture.

Ci aspettiamo ora una risposta da Amazon, che dopo la novità dei televisori con funzionalità Alexa incorporata sicuramente non resterà indietro su questa nuova fonte di business.

Un articolo di Adriano Riccardi pubblicato il 04/11/2021 e modificato l'ultima volta il 04/11/2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *