Categorie: News Italia

Cattedre scoperte, sono migliaia. Apertura scuole a rischio caos

L’estate sta ormai volgendo al termine e ormai alunni e insegnanti si stanno preparando per il ritorno a scuola, che avverrà fra poche settimane. Quest’anno però il rientro sarà molto problematico e la riapertura delle scuole, in alcune regioni, è addirittura considerata a rischio. Il motivo? Nonostante siamo agli sgoccioli, sono veramente tante le cattedre scoperte.

In Lombardia sono addirittura 15mila i docenti che mancano all’appello e che servono per ultimare tutte le cattedre, mentre nel Lazio sono 12mila e in Toscana ne sono più di cinquemila. Invece, sono 9 mila soltanto in Lombardia i posti degli insegnanti di sostegno che mancano.

Ma il problema non si limita ad una “normale” carenza di insegnanti; ce n’è un altro che coinvolge le maestre diplomate finite fuori dalle graduatorie ad esaurimento. Infatti, un terzo degli insegnanti di primaria e scuola dell’infanzia non si è presentato alle nomine di agosto perché la situazione è ancora incerta, peggiorando così l’assenza di professionisti.

Sono migliaia le cattedre scoperte

Stando a quanto dicono i sindacati di tutta l’Italia, tra le cattedre scoperte che sono circa 57mila a livello nazionale e le altre problematiche, il nuovo anno scolastico sarà tutto in salita; sembra essere a rischio anche il momento della riapertura.

Ad ogni modo, un bilancio effettivo delle cattedre scoperte potrà aversi solo il 31 agosto, quando il termine per la chiusura delle assunzioni sarà arrivato per gli insegnanti ordinari ed anche per quanto riguarda il sostegno. In questo modo si potrà avere un’idea concreta sulla situazione.

Per l’Anief non sono soltanto gli insegnanti a preoccupare, ma anche i presidi mancanti. Insomma, si potrebbe parlare di una carenza generalizzata. E non parliamo di piccoli numeri, dal momento che secondo le statistiche mancherebbe un preside su quattro. Insomma, un quadro davvero preoccupante che potrebbe avere una forte incidenza sul ritorno a scuola e sul normale svolgimento delle attività.

Notizie più chiare si potranno avere soltanto a fine agosto; ma adesso è normale credere che nel mondo della scuola ci sia una grande apprensione.

Leggi anche:

Un articolo di Flora Pierattini pubblicato il 29/08/2018 e modificato l'ultima volta il 29/08/2018
Condividi
Flora Pierattini

È l’anima social della redazione. Appassionata di salute e benessere, gestisce un blog che esplora mode e tendenze del mondo femminile. Ha spiccate competenze nel campo del social marketing.

Articoli recenti

Dario Musso torna a casa, ma l’Italia resta imbavagliata

Avete sentito parlare di Dario Musso? No, con tutta probabilità. Tranne poche, pochissime eccezioni la…

2 mesi fa

Coronavirus: scoperto il farmaco che blocca l’infezione SARS-CoV-2

Scoperto il primo farmaco per bloccare il Coronavirus. La notizia è di poche ore fa…

4 mesi fa

L’Italia chiude tutto: Conte dispone il lockdown totale delle attività

In piena emergenza Coronavirus, con l'intera Italia fortemente preoccupata per il rapidissimo propagarsi dei contagi,…

4 mesi fa

Coronavirus, ceppo italiano diverso da Cina. D’Anna: “virus domestico, poco più che un’influenza”

Dopo l'incalzante susseguirsi di notizie sul Coronavirus arriva forse un po' di chiarezza. Chi parla…

4 mesi fa

Coronavirus, è psicosi: assalto ai supermercati, ressa per le scorte e disinfettanti alle stelle

Era solo questione di tempo: la psicosi da Coronavirus si estende a macchia d'olio e…

5 mesi fa

Allarme Coronavirus: arrivano le norme per evitare il contagio dopo i decessi in Italia

Le nostre bacheche social sono ormai invase di argomenti che parlano di “allarme coronavirus”, nome…

5 mesi fa