Apple e Huawey unici produttori di tablet in crescita: mercato in crisi

Sono preoccupanti i segnali che arrivano dal mercato dei tablet, crollato a picco anche questo trimestre. Le vendite sono infatti diminuite del 13,5% rispetto a quelle registrate nello stesso periodo dell’anno scorso. La caduta coinvolge tutti i produttori eccetto due: Apple e Huawey.

In realtà secondo molti si tratta delle due case produttrici di tablet che credono ancora nel settore. Apple da un lato continua a pubblicizzare gli iPad come capaci di sostituire il laptop non solo per i contenuti ma anche per la produttività; e a questo proposito, pennino e tastiera sono stati i due accessori dche dal 2015 hanno arrichchito le funzionalità della tavoletta Apple.

Dal suo canto, anche Huawey non smette di promuovere i propri Mediapad, spingendo soprattutto sull’idea dei contenuti già pronti e di alta qualità. C’è da dire comunque che nella gara tra Apple e Huawey la seconda casa produttrice non brilla ancora nel campo della produttività per tablet.

Apple e Huawey unici produttori di tablet in crescita: mercato in crisi

Vi chiederete: e Samsung? Nella classifica dei produttori, Samsung è arrivato in seconda posizione rispetto ad Apple; tuttavia il calo delle vendite è a dir poco preoccupante, se consideriamo che da 6 milioni di tablet si è arrivati a 5 milioni in poco meno di un anno.

C’è anche chi spiega il calo giustificandolo con i periodi di uscita dei modelli di punta. Infatti, l’anno scorso il Galaxy Tab S3 è stato presentato nel secondo trimestre, mentre il modello di punta dell’anno in corso deve ancora uscire.

In ogni caso a breve potremo fare i dovuti confronti: Samsung infatti ha appena presentato il Galaxy Tab S4 con pennino e tastiera opzionale, più utile dal punto di vista della produttività; a questo modello si affiancherà un Galaxy Tab A4, la versione più economica e dedicata a chi usa il tablet soltanto come svago.

Leggi anche: 

Un articolo di Umberto Saffioti pubblicato il 07/08/2018 e modificato l'ultima volta il 07/08/2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *